mercoledì 21 novembre 2007

Una delizia.. la Pinolata della mamma altrui ;)


Vi racconto oggi di una delizia scoperta da un mio collega di lavoro (quello triste e vero di lavoro :((..
La sua mamma ha partorito questo splendore, il mio collega tanto gentile ha condiviso con noi, povere affamate, la prelibatezza e, non contente, abbiamo richiesto alla sua cara mamma la ricetta.

Il risultato ottenuto è quello che vedete,
estremamente migliorabile rispetto all'originale, che ho avuto la fortuna di sperimentare, tuttavia decisamente interessante anche al primo tentativo.
Per presentare il piatto diciamo pure che si tratta di un dolce ricco, negli ingredienti, nella lavorazione e nella consistenza finale...
Vivamente sconsigliato se siete a dieta ;)Trattasi di una Pinolata..
La bellezza di questa torta è che per la prima volta nella mia vita e, dopo innumerevoli tentativi, questa ricetta mi ha permesso di realizzare una CREMA PASTICCERA che possa chiamarsi tale.
Dopo questo tentativo, quasi incredula, ho riprovato..e NOTIZIONE è venuta buona di nuovo! Quindi ho pensato, non è una casualità...e ho riprovato!!
Ok a parte il fatto che il mio povero marito mangia crema da una settimana..posso dirvi, quasi con orgoglio, che ho imparato a fare la crema (forse!?).
Ok passiamo alle cose serie, parliamo della ricetta.
Cosa vi serve (gli ingredienti sono per 8-10 persone e la torta è stata realizzata con una tortiera con diametro di 26 cm circa)
170gr di farina
150gr d burro
1 uovo intero
4 tuorli d'uovo
150 gr di zucchero
mezza bustina di lievito in polvere
200 gr di pinoli

Per la crema pasticcera:
6 tuorli d'uovo
150gr di zucchero
1/2 litro di latte
40 gr di farina
1 bustna di vanillina
la buccia di un limone

Iniziamo dalla crema.
Ho lavorato, con il mixer, i tuorli d'uovo con lo zucchero fino ad ottenere un composto omogeneo, ho aggiunto la farina setacciata e non avendo la vanillina, ma della straordinaria vaniglia, di cui spero prima o poi di parlarvi, ho aperto mezzo baccello e aggiunto alla farina la polvere ricavata internamente. In un pentolino portate ad ebollizione il latte con la scorza del limone, e unitelo al composto preparato passandolo attraverso un colino. Mescolate nuovamente il composto e versatelo in un tegamino sul fuoco basso. Portarte dolcemente ad ebollizione mescolando continuamente e far cuocere la crema per un tempo che purtroppo non so darvi, posso solo dirvi che inizia a stringersi l'impasto e dovete stare attendi a spegnerla sempre un minuto prima , piuttosto che un minuto dopo.

Passiamo al composto. Ho lavorato l'uovo intero e i tuorli con lo zucchero, aggiunto la farina setacciata con il lievito, il burro fuso e la metà dei pinoli tritati. Otterrete un composto abbastanza morbido.

Distribuite in una tortiera imburrata e infarinata, se a cerniera è molto meglio, la metà del composto stendendolo in uno strato uniforme con il dorso di un cucchiaio.
Stendete sopra uno strato di crema pasticcera fino ad 1 cm dal bordo e ricoprite con il composto rimasto, stendendolo sopra la crema autandosi con il dorso del cucchiaio, cospargervi sopra l'altra metà dei pinoli, questa volta interi.

Informate il tutto e fate cuocere la pinolata in forno preriscaldato a 180 gradi per 35 minuti.

Ancora grazie alla mamma di Fabio per la delizia (la sua torta!) e per la ricetta.
Anche perchè tutti questi tuorli hanno prodotto, ovviamente una serie di albumi da utilizzare...e non sapete come mi sono ingegnata!!
Vi rimando per cui alla seconda puntata.. ;))

12 commenti:

Moscerino ha detto...

Interessante questa torta! E soprattutto sono curiosa di vedere cosa ne farai degli albumi avanzati: sono sempre il mio cruccio! (non amo le meringhe...e mio marito proprio le detesta!)

Viviana ha detto...

Ah ah ah .. che forte che sei!! quello che arriva qui in ufficio da me viene solitamente divorato con una voracità che mi spaventa... son oarrivata alla conclusione che l'aria condizionata crea qualche interconnessione che fa esplodere la fame collettiva. se però anche rifacendola a casa la torta della mamma del tuo collega è così buona non ci son oproprio dubbi!!! si deve fare!! ah ah ah un bacio!

chiara ha detto...

Wow! Che spettacolo! Mi è venuta una acquolina tremenda!!!!!! Troppo buona!!!!!!

Michelangelo ha detto...

Una splendida golosità ispirata ad antiche tradizioni!

Complimenti per il blog, che scopro solo ora e linko subito, per la cura e la qualità dei contenuti e per il sottotitolo del blog, perchè a tavola - lo ricordo sempre - si mangia anche con gli occhi e con il cuore.

Michelangelo
http://micheblog.wordpress.com

Jelly ha detto...

Mamma mia che goduria!!!!!!!!!!!!!

elisa ha detto...

Buonissima..le foto poi fanno proprio gola..magari ad avere un collega come Fabio!
Baci

adina ha detto...

mi piace questa tovaglietta a quadrettini celesti!! :-))

Cuocapercaso ha detto...

Buonissima questa torta!! condivido il pensiero di Viviana: da noi in uff quando arriva qualcosa non si ha il tempo di fotografare!!! ricettina da fare
;-) !

ciao!!
Grazia

Chimera ha detto...

...non ho parole...solo l'acquolina in bocca!!!
slurp
Ciao!!!

Anonimo ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
Anonimo ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
Anonimo ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.