mercoledì 10 ottobre 2007

Buonissima, Facilissima, Sofficissima



Non sapete quanto mi piacciano le Camille del Mulino Bianco,
lo so che sono chimiche perchè rimangono sempre così plastiche,
tuttavia sono buone, buonissime..
E' da tanto così che cerco una ricetta giusta per produrre qualcosa di similare, girovagando quà e là ecco, sperimentando più volte vari surrugati..finalmente l'ho trovata..Prendendo spunto da una preziosissima ricetta trovata su un Foodblog, di cui putroppo non ricordo più il nome, e con alcune personalizzazioni quà e là (non riesco a farne a meno), ecco prodotta la camilla, nel dettaglio trattasi di " Torta camilla gigante: buonissima, facilissima, sofficissima".
Unica variazione che effettuaerei è di produrla in piccoli stampi da muffin, piuttosto che pirottini così da poter già avere delle monoporzioni (altrimenti il rischio è di finirla in tempi record per quanto è buona!)


Ingredienti
250 gr di carote
100 gr di olio extravergine di oliva (che dopo lunghi calcoli sono arrivata a stabile essere circa mezzo bicchiere, almeno io ho inserito questa dose qui)
250 gr di farina 00
100 gr zucchero di canna (solo perchè mi piace il colore va bene anche zucchero bianco)
150 gr zucchero bianco
3 uova
buccia di mezzo limone
1 bustina di lievito
pinoli e mandorle (non inserisco quantità, dipende dal vostro gusto)

Preparazione
Facile, quasi troppo facile.
Pulite le carote e in un mixer inserite le carote e l'olio e frullate così da ottenere carote grattugiate, ma comunque a pezzetti (non deve essere una vellutata). Se volete inserire nella vostra torta anche mandorle e pinoli, è questo il momento. Spezzetateli insieme alle carote.
A questo punto in un contenitore capiente, versate l'impasto ottenuto e aggiungete il resto degli ingredieti.
Mescolate con una frusta elettrica o cucchiaio di legno in modo da ottenere un impasto omogeneo.
Versate l'impasto ottenuto in una forma da dolce delle forme che preferite, piuttosto che in pirottini di alluminio o formine da muffin avendo cura di riempirli per metà.

Preriscaldate il vostro forno a 180° e una volta arrivato a temperatura, inforate la vostra Camilla per 45 minuti circa (dipende dal vostro forno), preoccupandovi comunque di provare la cottura con uno stuzzicadenti.

Terminata la cottura servite su un piatto da portata spolverizzando con zucchero a velo.
La torta si mantiene morbida per molti giorni avendo esclusivamente cura di conservarla sotto pellicola.
E' speciale, buonissima, sofficissima e facilissima.

8 commenti:

Anonimo ha detto...

...buona.... mi hai fatto venire una fame!!!
complimenti questo tuo piccolo angolino è davvero un amore...

baci gnocchetto!
fede.

Alex e Mari ha detto...

Ciao, è davvero un piacere scoprire il tuo blog! Adoro la torta con le carote. Io la conosco con le nocciole, ma i pinoli sono un'ottima alternativa! Ciao e a presto, Alex

bian ha detto...

ciao gnocchetto! belle ricette! ti verrò a trovare più spesso... :-)

edo ha detto...

bando alle chiacchere e ai consigli la domanda è: quando la porti qui al 5° piano e ce la fai assaggiare? ;-)

Claudi ha detto...

Anch'io cercavo da tempo da ricetta di una simil-camilla e ho stampato 2 ricette trovate girovagando per la foodblogsfera (e ancora in attesa di essere sperimentate).
Ti comunico che la tua ricetta, benchè scoperta per ultima, ha spiazzato le concorrenti...e verrà eseguita stasera stessa :)
Grazie!

marierica ha detto...

Finalmente una ricetta "convincente" per una torta di carote, giuro che domani la faccio, complimenti per il blog, ancora tutto da sperimentare...ciao, m.

BarbieRotta ha detto...

Grazie mille!!! Io che ho appena mangiato una camilla (di quelle super chimiche) proverò subito questa! grazie!

Anonimo ha detto...

molto buona !!
(forse ho esagerato con lo zucchero ... )