mercoledì 5 marzo 2008

Dall'Italia del Gambero Rosso: il Lazio e le deliziose ciambelline al vino..Rosso

Ciambelline al vino rossoFinalmente riesco a tornare da queste parti..Oggi è una giornata piovosa e grigia..ma domenica quando ho sfornato queste robette c'era un sole primaverile..direi quasi estivo, una giornata deliziosa, figuratevi che mi sono fatta un pisolino sulla sdraio in terrazzo con un bel solicello tiepido sul viso.Ciambelline al vino rossoRivedendo le foto di queste ciambelline, mi chiedevo se riuscissero a trasmettere questo stato d'animo di pace, famiglia, cose genuine...va be senza tirarla troppo per le lunghe..vi lascio la ricetta e la domanda..vi sembrano genuine queste foto?;P...Ciambelline al vino rossoLa ricetta è tratta da Lazio dell'Italia del Gambero Rosso.
450 gr di farina
100 gr di vino bianco (io purtroppo non ne avevo!! sapete cosa ho fatto?ci ho messo del vivo rosso..del Sagrantino speciale)
100 gr di zucchero
100 gr di un buon olio extravergine
un cucchiano da té di semi di anice
sale
Per guarnire 2/3 cucchiai di zucchero

Mescolate 450 gr di farina con il sale, i semi di anice e lo zucchero. Fate la fontana e aggiungete quindi il vino e l'olio, continuando a mescolare prima con la forchetta e poi, energicamente con le mani. La pasta dovrà uscire piuttosto soda quindi aggiungete alla bisogna della farina o del vino.
Avvolgete la palla di pasta attenuta in un canovaccio e ponetela a riposo sotto una ciotola rovesciata, in luogo fresco, per una mezzora abbondante.
Trascorso questo tempo dividete l'impasto in 3 o 4 pezzi e lavorateli sulla spianatoia, arrotolandoli fino allo spessore di un dito. Tagliate a pezzi di 20 cm circa e chiudeteli a ciambella, spingendo sulle due estremità.
Passate le ciambelline, man mano che sono pronte, nello zucchero e ponetele su una o più placche da forno (considerate le dosi non ne verranno poche, se volete potete comunque dimezzare il tutto e il risultao verrà mantenuto perfettamente).
Infornate a 190°, o 170° se ventilato, per una ventina di minuti circa fino a che avranno assunto un bel colore dorato.
Lasciate quindi raffreddare su una griglia e conservate in scatole di latta..

Sono davvero molto semplici e poi sono come le ciliege..una tira l'altra ;P

11 commenti:

Alex e Mari ha detto...

Oh quanti ricordi con le ciambelline al vino!! Assolutamente da provarle con il vino rosso. Hanno un ottimo aspetto. Ciaooo, Alex

Gnocchetto al pomodoro ha detto...

Ciao Alex!! Da quanto tempo non ci sentivamo da queste parti!!mi fa molto piacere la tua visita..il vino rosso soprattutto se molto molto buono come quello che avevo ci sta che è una delizia!!

salsadisapa ha detto...

le ciambelle al sagrantino?????? buongustaja che non sei altro!! queste te le copi subitoooooooo :-)))))))))

Gabriella ha detto...

ci credo che sono come le ciliege...complimenti,ciao Gabri

Gnocchetto al pomodoro ha detto...

@salsadisapa: mi hai scoperto!!! ;P hai notato il "dettaglio" è lo so ma come fai a resistere al sagrantino???
@gabriella: paicere di fare la tua conoscenza!! A prestissimo

Ivana ha detto...

Da piccola me li faceva sempre mia zia, solo che noi li chiamiamo tarallucci al vino, io ne potevo mangiare a decine!!
Penso proprio che domani li farò anche io!!
Ciao Ivana

elisabetta ha detto...

Che buone, le ha fatte (con il vino bianco) anche mio figlio al laboratorio di cucina, alla scuola materna, ma queste sono super, bellissime!!!

Viviana ha detto...

sìììììììììììììì!!! si vede che sono super genuineee!!! :D Buoneeee! l'ultima volta che le ho mangiate le ho pure pucciate dentro al vino rosso.. spudorata vero??? che buoneeeeee!!!
un bacio

Mariluna ha detto...

Sono finite a quest'ora? Ne volevo una in anteprima, sono sicura della loro bontà, prima o poi le faccio. Ciao Mariluna

edo ha detto...

aspetto genuino e sincero come la cuoca che le ha prodotte ;-)

Nedra ha detto...

Thanks for writing this.