venerdì 1 febbraio 2013

La teoria dello sformato, di quanto riempe o svuota la mente, di quanto la rende leggera e di quanto la rende appagata



Facilissimo,
lo avrete fatto un milione di volte, lo avrete mangiato alle feste di quando eravate tredicenni, lo avrete preparato per fare una scampagnata, lo avrete chiamato in mille modi diversi, gattò, pizza, ha un milione di nomi diversi..
Si fa perchè è buonissimo, semplice, è un piatto unico, completo, dal primo al contorno, è rotondo e se lo sai fare bene non richiede di mangiare null'altro, con un piatto solo risolvi la cena.
Io invece stasera lo preparo perchè vorrei cucinarne un milione di piatti, avere un elenco di ricette da seguire, provare le mille versioni di sformati, tutti quelli di una vita, ci avete mai pensato...ma quanti sformati si possono mangiare, quanti davvero buoni, quanti invece solo di rosticceria.
Lo preparo perchè vorrei davvero provare la mia teoria dello sformato, di quanto riempe o svuota la mente, di quanto la rende leggera e di quanto la rende appagata.
Eccola qui, ci sono piaceri semplici, che sono come uno sformato di patate, sono buoni e basta, chiari, semplici e lineari.

Poi ci sono altri piaceri, altri desideri, altre tensioni che sono appaganti, sempre come uno sformato; non hanno la stessa rotondità dei precedenti, ma svuotano la testa o la riempono, rallentano il respiro, appagano, prima di essere buoni.
Le sfumature di quelli che appagano, di quelli che hanno il sapore un po' di ignoto, di quelli che non conosci ancora che profumo abbiamo, oggi vorrei imparare a cucinare quelli.
Aggiungiamo, zenzero o noce moscata?Forse bacon affumicato, forse zafferano..non lo so, per ora non me lo domando ma vorrei trovare una di queste di ricette, da qualche parte ci saranno scritte, anche se tutti mi raccontano di sformati buoni..io stasera cerco gli altri.
Il mio non lo so come è venuto..se sarà quello delle feste del liceo, o sarà tra quelli che ancora devo provare..


Prendete 4 patate piuttosto grandi, un bocconcino di mozzarella, un etto di prosciutto cotto di ottima qualità, noce moscata, 2 uova, pan grattato e olio, si sale...

Fate bollire le patate, schiacciate, aggiungete noce noscata, sale, olio un paio di cucchiaini, due uova intere, dadini di cott, pezzetti di mozzarella, e impastate tutto, con energia, , prendete una bella teglia non troppo alta oliate e spargete ed pan grattato, mettete il vostro impasto e ricoprite di pan grattato.
In forno a 180°, circa 30 minnuti e poi 5 minuti di grill

Nessun commento: